• ..........wireless communication platforms for disaster relief
  • .......... digital radio-communications for disaster management
  • .......satellite networks on critical missions
  • ..........multimedia platforms for emergency management
  • ............connectivity infrastructures for emergency and humanitarian relief
  • ...............ham radio activity for social interested

 5X1000

 Communications Emergency Rescue

cf: 90013360376

 

aprs world 6inIQ4EV -15

 

TETRAERretre

 

ingvINGV - Situazione Sismica Attuale

02 novembre 2016

Rientro in sede dell'unità TLC.

Dopo le operazioni di allacciamento ai servizi di rete pubblica, avvenuti presso il COC di Caldarola (MC) e il conseguente trasferimento dei servizi a banda larga su queste infrastrutture anche delle utenze della Colonna Mobile Regionale, la nostra unità ha provveduto al rapido ripiegamento a Bologna al fine di rendere disponibile per ogni ulteriore necessità le installazioni comunicative di prima partenza.

 

 

30 ottobre 2016

ore 07.40, evento sismico di magnitudo 6.5 nelle vicinanze di Norcia. Mezzi ed attrezzature della Protezione Civile Emilia Romagna in attività presso il Comune di Caldarola (MC). Communications Emergency Rescue è sul posto e stiamo fornendo alla nostra struttura regionale di soccorso servizi di connettività satellitare per la gestione degli interventi assistenziali.

 27 ottobre 2016

Nuovamente in atto una grave sequenza sismica nella zona dell'Italia Centrale e più precisamente nell'area compresa tra le Regioni Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo.

Communications Emergency Rescue è operativo dalla prima mattinata con l'Unità Mobile TLC in supporto alla Colonna Mobile della Regione Emilia Romagna trasferita a Foligno per le operazioni di aiuto. Le comunicazioni di servizio sono attuate sul posto dai volontari CER attraverso tecnologia satellitare in dotazione.

rieti agg 15

15 ottobre 2016

Ufficialmente chiuse le attività della Colonna Mobile di Protezione Civile dell'Emilia Romagna a Montegallo (AP). In fase di rientro le ultime squadre che, con i mezzi e materiali essenziali hanno assicurato la logistica e la sicurezza necessari alla smobilitazione. A chiudere la colonna del rientro in sede emiliana il team CER che fino all'ultimo ha prestato il proprio contributo in ambito tecnico.
Prima della partenza una foto ricordo con le componenti istituzionali del Comune di Montegallo

 

Protecer chiusura Montegallo

 

   13 ottobre 2016

Ormai prossime al termine le attività operative della colonna mobile di protezione civile della Regione Emila-Romagna a Montegallo (AP). Settimane di impegno anche per il nostro gruppo che, come programmato, darà la propria assistenza tecnica in ambito di telecomunicazioni fino alla chiusura delle operazioni. Dopo il rientro programmato di qualche giorno, il nostro veicolo speciale è ancora sul posto e sarà l'ultimo veicolo a lasciare la zona.

 Protecer chiusura Montegallo2

 

08 ottobre 2016

Rientrato come da programmazione in serata da Montegallo il veicolo speciale TLC di Communications Emergency Rescue.

Su richiesta dell'Agenzia di Protezione Civile, dal 13 ottobre sarà però inviata sul posto una nostra squadra per assistere l'ultimissima fase di chiusura dei campi di accoglienza di Uscerno e Montegallo (AP). I volontari CER provederanno al ripristino dello stato di fatto, pre 24 agosto, delle aree private e pubbliche occuparte dai servizi di assistenza della protezione civile Emilia-Romagna, rimuovendo tutte le infrastrutture comunicative installate a suo tempo. Saranno inoltre effettuate riprese video documentali delle fasi di recupero dei materiali e del rientro in sede della nostra colonna mobile.

 Protecer ultimafase

 

 02 ottobre 2016

Ultimo cambio turno CER nel campo base della Protezione Civile Emilia-Romagna a Montegallo AP. Come da programma la squadra montante opererà fino a Sabato 08 ottobre, giorno previsto per il rientro del veicolo speciale TLC. Compito dei nostri volontari è quello di assicurare, nella fase finale della chiusura dei campi, il servizio comunicativo essenziale. Pertanto in attività tutti i sistemi di tipo satellitare, impiegati in particolare per l'accesso alle piattaforme di videoconferenza per le quotidiane riunioni con la sede regionale dell'Agenzia di Protezione Civile di viale Silvani a Bologna. In questa fase finale sono inoltre attuati collegamenti audio-video a supporto di iniziative bilaterali tra le zone colpite dal sisma e interlocutori della nostra regione. Continuano inoltre le attività di gestione delle reti informatiche e dell'hardware in uso alla nostra colonna mobile.

 

25 settembre 2016

Nuovo avvicendamento dei volontari CER per la sesta settimana di attività. Continuano gli interventi tecniici di supporto sia al Campo Base della Regione Emilia-Romagna sia alle amministrazioni locali in ambito di telecomunicazione e informatica. In particolare vengono temporaneamente ripristinate reti dati, impianti radio e anche stazioni satellitari VSAT in dotazione ad amministrazioni dello stato presso la "Cittadella degli Enti Locali" 

  

 

19 settembre 2016

Al via il quinto turno settimanale. La nostra organizzazione resta operativa presso il campo base della Regione Emilia-Romagna nel Comune di Montegallo (AP). Alle normali attività di collegamento audio-video, in particolare nei confronti della Sala Operativa della Protezione Civile di Bologna, si aggiungono interventi di infrastrutturazione di reti dati, sono infatti in fase di ultimazione i lavori per la realizzazione della "Cittadella Emilia Romagna" il centro polifunzionale attrezzato dove troveranno posto la sede municipale, l'ambulatorio dei medici di base, la farmacia e la scuola. Con il prosieguo delle verifiche di agibilità dei fabbricati, l'esigenza assistenziale del campo è fortunatamente in fase di contrazione. 

 

09 settembre 2016

Dal Portale dell'Agenzia per la Sicurezza del Territorio e Protezione Civile Emilia-Romagna

Da Anzola dell’Emilia, nel bolognese, alle piazze di Accumoli, Arquata del Tronto e Montegallo nell’ascolano. Proseguono le iniziative di solidarietà dell’Emilia-Romagna verso le popolazioni marchigiane colpite dal sisma dello scorso 24 agosto.

Lunedì prossimo, 12 settembrel’Anzola Jazz Festival organizza la serata “Un’amatriciana per Amatrice”: a partire dalle 20 nelle vie del paese, sarà allestita una cena benefica, a base di pasta all’amatriciana,  per raccogliere fondi da destinare alle esigenze dei due comuni nell’ascolano. Il ricavato sarà versato sul conto unico aperto  dalla Regione nelle ore successive al sisma: IBAN IT69G0200802435000104428964 - Intestazione e causale: Emilia-Romagna per sisma Centro Italia”.

Alle 21.30 il concerto di Andrea Dulbecco Quartet, grazie all’impegno del volontari del Cer Communication emergency di Bologna, sarà trasmesso in diretta agli ospiti e ai volontari del campo di Montegallo (AP), comune ‘adottato’ dalla Regione Emilia-Romagna, che potrà interagire, in collegamento audio, con il pubblico di Anzola. L’iniziativa sarà trasmessa in streaming anche sul sito del Cer all’indirizzo https://www.protecer.org/.

I volontari CER, esperti in telecomunicazioni, saranno operativi sia ad Anzola che a Montegallo e appartengono alla Consulta provinciale del volontariato di protezione civile di Bologna.
L’Anzola Jazz Festival ha il patrocinio di Regione Emilia-Romagna e Città Metropolitana di Bologna.

 

 4 settembre

Stiamo procedendo con l'infrastrutturazine delle reti comunicatve attraverso rete fissa. Il gestore ha fornito nuovi allacciamenti per la zona del COC e del campo di prima accoglienza, compreso servizi di connettivita' che reputiamo soddisfacenti. Il programma di lavoro prevede per i prossimi giorni la realizzazione di attivita' multimediali in corrispondenza di eventi di sostegno alla popolazione di Montegallo attuati dal Comune di Anzola Emilia. Attraverso sistema satellitare, consentiremo la partecipazione all'evento di autorita' di entrambe le regioni.

 

28 agosto 2016

I volontari CER proseguono, con turnazione settimanale al momento programmata  ( 28 ago/4 set  - 4 /11 set  - 11 /18 set  - 18/25 set  - 25set/02 ott - 02/08 ott ) l'attività ordinaria di gesione delle installazioni


 

 

26 agosto 2016 


La terra continua a tremare, con un picco di 4.5. La nostra postazione TLC procede nella attività di gestione delle comunicazioni istituzionali attraverso rete satellitare. Nel tardo pomeriggio è stata attivata anche una stazione radioamatoriale in onde corte e sono stati effettuati sporadici collegamenti di prova. Localmente siamo anche QRV in VHF su R0 di Ascoli Piceno. Non sono presenti in zona sistemi DMR radioamatoriali. E' invece raggiungibile la rete radio digitale della Regione Marche in banda UHF.

In accordo con il Dipartimento Nazionale, non abbiamo al momento ritenuto necessario procedere con la richiesta al Ministero Infrastrutture dell'autorizzazione per l'installazione di una rete TETRA locale.

 

25 agosto 2016

Nel corso della giornata si è conclusa la predisposizione dei due campi di assistenza alla popolazione e conseguentemente iniziare il ricovero delle persone in attesa di agibilità delle loro abitazioni. Le condizioni metereologiche sono buone ma con temperatura notturna inferiore ai 8° (quota altimetrica del sito oltre 800m slm) le tende hanno comunque una sufficiente dotazione di coperte e a breve di sistemi di riscaldamento elettrici.

Sono in funzione anche due punti di produzione e distribuzione dei pasti.

La situazione sismica non sembra invece essere ancora stabilizzata, continuano ininterrotte scosse di assestamento di intensità variabile ( 3.9 la maggiore).

L'attività della nostra unità procede in modo regolare con le comunicazioni di routine.

 

24 agosto 2016

COMUNICATO

Alle ore 03.36 e 03.56 violente scosse sismiche hanno interessato alcune zone della provincia di Rieti ed Ascoli Piceno,  in particolare i comuni di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, registrando numerose vittime tra la popolazione.

L'Agenzia di Protezione Civile Emilia Romagna, in accordo con il Dipartimento Nazionale, ha inviato sul posto la propria Colonna Mobile, composta da Volontari della Protezione Civile Regionale, Operatori del Sevizio Sanitario, tecnici degli Enti Locali e di aziende partecipate.

Al fine di ottimizzare il coordinamento dei soccorsi, Communications Emergency Rescue ha raggiunto già dal primo pomeriggio la zona interessata dall'emergenza ed attivato sia i collegamento con il Centro Operativo Regionale di viale Silvani a Bologna, sia i contatti locali e con la Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Marche. L'unità CER è operativa sul posto con il proprio veicolo speciale dotato di sistemi satellitari in banda Ku e in banda Ka e con tre specialisti in telecomunicazioni (due volontari di Imola e uno di Bologna). In tarda serata la Colonna Mobile ha iniziato gli allestimenti per l'assistenza alla popolazione nelle località di Montegallo e Uscerno in provincia di Ascoli Piceno.

Colorno 13-14 ottobre 2014

In seguito agli eventi metereologici avversi che hanno determinato diffuse criticità idogeologiche nella zona emiliana del parmense ed in particolare l'esondazione del Baganza, siamo operativi dal 13 ottobre in zona Colorno (PR) in supporto all'Agenzia di Protezione Civile.

La situazione è in fase di miglioramento ma si lamentano interruzioni al servizio pubblico di telecomunicazione che limitano l'accessibilità alle reti solo ad alcuni operatori. Il sistema di protezione civile emilia-romagna risulta collegato anche se con alcune criticità. Al momento le BS TETRA locali sono attive in modalità fallback.

19 Gennaio 2014

Le abbondanti precipitazioni iniziate il 17 gennaio, hanno determinato un'improvvisa piena del fiume Secchia, che alle ore 06:00 ha rotto l'argine destro. Sommersi i comuni di Bastiglia e Bomporto. Una vittima e circa 1.000 persone evacuate. 75 km² la superficie complessiva della zona allagata. Su richiesta dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile, CER ha inviato sul posto il Mezzo Speciale TLC con tre specialisti.

 

 

COMUNICATO DEL 20 MAGGIO 2012

Alle ore 04.04 di domenica 20 maggio 2012 una scossa sismica di magnituto 5.9 con epicentro Mirandola (MO), ha interessato la zona compresa tra Bologna, Ferrara, Modena. Le attività sismiche di assestamento sono tutt'ora in atto.Il fenomeno sismico ha causato danni, anche ingenti, a diversi edifici e srtutture e si registrano alcune vittime, molti feriti, sono in atto interventi di soccorso e di assistenza alla popolazione.

Personale dell’Organizzazione CER è attualmente operativo nell'ambito delle telecomunicazioni in supporto alle operazioni di soccorso e di gestione dell’emergenza.

Il responsabile dell’Organizzazione CER, Ughi Gilberto, è stato incaricato di coordinare la funzione telecomunicazioni presso l’Agenzia Protezione Civile Emilia-Romagna di viale Silvani a Bologna.

Al momento non si registrano particolari criticità alle infrastrutture comunicative pubbliche che tuttavia risentono pesantemente del sovraccarico delle linee e in sporadici casi localizzati dell’ interruzione del servizio per mancanza di energia elettrica.

La rete di telecomunicazioni di emergenza della protezione civile, costituita dall’infrastruttura radio digitale R3 Tetra della società Lepida è regolarmente in esercizio e al momento non presenta problematiche, anche il veicolo speciale del Corpo Emergenza Radioamatori è operativo con funzione di back-up satellitare delle comunicazioni dell’Agenzia regionale.

 

!!! ARTICOLI CORRELATI ALL' INTERVENTO NELLA SEZIONE "ARCHIVIO NOTIZIE"  !!!

 

L'evento: Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il terremoto dell'Emilia, Lombardia e Veneto del 2012 è un evento sismico costituito da una serie di scosse localizzate nel distretto sismico della pianura padana emiliana, prevalentemente nelle province di Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia, Bologna e Rovigo, ma avvertiti anche in un'area molto vasta comprendente tutta l'Italia Centro-Settentrionale e parte della Svizzera, della Slovenia, della Croazia, dell'Austria, della Francia sud-orientale e della Germania meridionale. Già tra il 25 e il 27 gennaio 2012 si ebbero in zona fenomeni significativi, ma le 2 scosse più forti (alla fine riunite in una sola), rispettivamente di magnitudo MI5,9 e Mw5,86 sono state registrate nello stesso istante il 20 maggio 2012 alle ore 04:03:52 ora italiana (02:03:52 UTC), con epicentro nel territorio comunale di Finale Emilia (MO), con ipocentro a una profondità di 6,3 km.

Il 29 maggio 2012 alle ore 09:00:03 ora italiana (07:00:03 UTC), una nuova scossa molto forte di magnitudo MI5,8 e Mw5,66 è stata avvertita in tutta l'Italia Settentrionale, creando panico e disagi in molte città come Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Mantova e Rovigo; l'epicentro è situato nella zona compresa fra Mirandola, Medolla e San Felice sul Panaro. A quella delle 9:00 sono seguite altre tre scosse rilevanti: una alle 12:55 di magnitudo 5,4, una alle 13:00 di magnitudo 4,9 e un'ulteriore scossa alla stessa ora di magnitudo 5,2.

Il 31 maggio 2012 alle 16:58 una scossa di magnitudo 4,0 con epicentro a Rolo e Novi di Modena, ha colpito la zona della bassa reggiana e dell'oltrepò mantovano, già molto provate dalle scosse dei giorni precedenti che avevano avuto come epicentro la vicina area della bassa modenese. Sempre la sera del 31 maggio alle ore 21:04 si è verificata una scossa di magnitudo 4,2 con epicentro a San Possidonio.

Queste scosse sono state seguite da uno sciame sismico con scosse di magnitudo variabile di minore entità scala Richter. Un'altra scossa di magnitudo 5,1 è stata avvertita in tutto il Nord Italia il 3 giugno 2012 alle ore 21:20:43 ora italiana (19:20:43 UTC), con epicentro in Novi di Modena.

Le accelerazioni di picco registrate dall'accelerometro di Mirandola durante le scosse più forti del 20 maggio e del 29 maggio sono state rispettivamente di 0,31 g e di 0,29 g, valori che in base alla carte vigenti di pericolosità sismica renderebbero stimabile in circa 2500 anni il tempo di ritorno di ciascun evento nella medesima area.

I due eventi sismici principali hanno causato un totale di 27 vittime (22 nei crolli, tre per infarto o malore e due per le ferite riportate), in maggioranza dipendenti di aziende distrutte. Il 4 giugno 2012 è stato proclamato giornata di lutto nazionale per le vittime del terremoto.

L'intensità massima dei terremoti, stimata come cumolo degli effetti della sequenza, è stata pari a 8, secondo la Scala Macrosismica Europea (EMS-98).

Febbraio 2012, nel Montefeltro una eccezionale nevicata!

Quasi 3 metri caduti a Novafetria (240 m sl.m.) e fino a 6 m nella montagne della zona. La situazione ha determinato gravi disagi in tutta l'area come la mancanza di energia elettrica e il crollo di tetti, con evacuazione di almeno 150 persone. Diversi gli interventi nelle zone rurali con mezzi cingolati da neve o con squadre di sciatori, per portare soccorso alle case ed agli allevamenti di bestiame isolati.

Su richiesta dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile, il Corpo Emergenza Radioamatori ha trasferito presso il COM di Montefeltro la propria Unità Mobile con tre specialisti, per attivare collegamenti satellitari audio video in rete SkyPlex con il Centro Operativo Regionale. L'attività, iniziata il 2 febbraio sarà garantita per tutta la durata dell'emergenza.

Su richiesta dell'Agenzia di Protezione Civile Regionale, in data 23 settembre abbiamo preso contatto con INAF, l'Istituto Nazionale di Asto Fisica presso il Radiotelescopio di Medicina, per effettuare alcune attività congiunte finalizzate alla verifica della traiettoria di rientro in atmosfera del satellita UARS.

Le procedure tecniche necessarie sono avvenute con l'utilizzo del veicolo speciale TLC prontamente trasferito in una zona del Mugello (Toscana), indicata da INAF. 

In particolare, dalla struttira logistica del CER sono state attivate trasmissioni verso la traiettoria del satellite in rientro in atmosfera terrestre, il segnale riflesso dal satellite è stato ricevuto dalla postazione dell'Istituto di Astrofisica presso il radiotelescopio Croce del Nord per l'elaborazione della traiettoria.

SANTA SOFIA - Una grossa frana da due milioni di metri cubi di materiale ha investito venerdì notte la strada provinciale Bidentina e due case, di cui una disabitata. E' quanto accaduto a Corniolo. La strada è chiusa in entrambi i sensi di marcia. Il materiale ha anche chiuso il corso del fiume, un ramo del Bidente. Sono questi gli effetti di uno smottamento partito giovedì sera e che sta isolando gli abitanti di Corniolo.
Il fronte della frana, ancora in movimento, è di 150 metri, con profondità di 15 metri.

(da Romagna oggi del 19 marzo 2010)

Al fine di favorire il coordinamento degli operatori di protezione civile attraverso la rete regionale TETRA e per stabilire un collegamento diretto audio/video/dati via satellite con il COR di Bologna, già a poche ore dall'evento è stata dislocata sul posto l'Unità Mobile TLC del CER.

Comunicato Corpo Emergenza Radioamatori

In seguito all’evento sismico che si è verificato alle ore 3.32 di Lunedì 6 aprile in alcune aree della regione Abruzzo, il Corpo Emergenza Radioamatori, Coordinamento Provinciale di Bologna è stato immediatamente mobilitato dall’Agenzia di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna per il coordinamento delle telecomunicazioni di soccorso. Già dalle ore 14.00 il veicolo speciale del CER, con tre specialisti, ha preceduto la colonna mobile dei soccorsi regionale nella zona di Villa Sant’Angelo (AQ), una delle più colpite. Sul posto è stata immediatamente attivato il collegamento Audio-Video con la sala Operativa Regionale e con la Sala Italia del Dipartimento Nazionale, grazie alla particolare tecnologia satellitare presente sul mezzo speciale.
Al momento a Villa Sant’Angelo è stato allestito uno dei campi per l’assistenza alla popolazione con circa 380 posti letto (tutti occupati) e una mensa con capacità di oltre 500 pasti ora.
Il campo della Regione Emilia Romagna è dotato anche di una unità del 118 per l’assistenza sanitaria e di una postazione medica avanzata. Al momento sul posto continua lo sciame sismico con frequenti scosse anche di notevole intensità.

Corpo Emergenza Radioamatori ha realizzato sul posto una rete radio per usi emergenziali in standard TETRA, debitamente autorizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico. Si tratta probabilmente della prima rete radio di tale tipo mai autorizzata ad una associazione di radioamatori.

ripresa live trasmessa via satellite sulla rete nazionale di protezione civile SkyPlexNet

 

Concessione TETRA

Autorizzazione generale per l'esercizio di un impianto TETRA rilasciato a Corpo Emergenza Radioamatori

 

Inquadramento generale

parte dello studio della rete effettuato con Software RadioMobile

  

 

 

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella cookie policy a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare.