• ..........wireless communication platforms for disaster relief
  • .......... digital radio-communications for disaster management
  • .......satellite networks on critical missions
  • ..........multimedia platforms for emergency management
  • ............connectivity infrastructures for emergency and humanitarian relief
  • ...............ham radio activity for social interested

Logo
Chi siamo
Mission
Deutsch
English

Communications Emergency Rescue - Non Profit Organization

                                                       Communications Emergency Rescue......only guaranteed communications

 

All'indomani dei tragici avvenimenti alluvionali che negli anni sessanta colpirono gran parte del nord Italia, molti radioamatori che fino ad allora avevano partecipato in modo spontaneo ed individuale alla realizzazione di collegamenti radio di emergenza, decisero di organizzare una struttura con l'intento di rendere maggiormente efficente l'azione del mondo radioamatoriale in caso di necessità.
Era nato il CER, Corpo Emergenza Radioamatori.

cer1Va ricordato che in quel periodo le comunicazioni erano affidate quasi esclusivamente ad  infrastrutture telefoniche tradizionali,  che le condizioni ambientali esterne rendevano molto vulnerabili a causa delle caratteristiche tecnologiche esistenti all'epoca. In occasione delle emergenze di tipo catastrofico si verificavano pertanto carenze alle condizione comunicative necessarie per gestire l'opera di soccorso.

La radio e i radioamatori diventavano pertanto un importante riferimento alternativo a cui ricorrere, capaci com'erano di stabilire in tempi rapidi i collegamenti interrotti.

Fu probabilmente con i disastrosi terremoti di Friuli (1976) ed Irpinia (1980), che nel paese si manifestò una diffusa iniziativa di partecipazione ai soccorsi da parte di persone comuni, mosse da un grande spirito di solidarietà ma prevalentemente poco organizzate.  
Migliaia di persone erano spontaneamente accorse in aiuto e fra questi i radioamatori che, in parte già coordinati dalla struttura CER, riuscirono a prestare la loro opera in modo efficente.

Dopo quei fatti il moto spontaneo che in caso di calamità muoveva i cittadini verso una partecipazione attiva, determinò l'aggregazione delle persone in specifiche forme associative di volontariato a cui fu riconosciuto, attraverso apposite leggi nazionali (266/91 - 255/92) un ruolo istituzionale all'interno della protezione civile.

  ACERNel 1992 venne costituita anche l'Associazione Corpo Emergenza Radioamatori, una organizzazione di Volontariato (No Profit) operante nel settore delle Telecomunicazioni di Protezione Civile. Tra i fondatori ancora alcuni degli stessi del vecchio glorioso CER.

Nello stesso anno è nato il Coordinamento Provinciale di Bologna, la nostra realtà.

 

CER Satrisulta a tutti evidente che la tecnologia delle comunicazioni ha conosciuto in pochissimi anni uno sviluppo senza precedenti. L'accesso alle reti telefoniche mobili e di connettività risulta ormai una consueta abitudine per la maggioranza delle persone, anche nei contesti ambientali più disagiati e remoti; comunicare a distanza oggi non rappresenta più un problema, Ha quindi ancora senso parlare di radioamatori nell'emergenza??
Il nostro punto di vista al riguardo e soprattutto l'esperienza che abbiamo maturato in tanti anni di attività specifica, non può che continuare a confermarne l'aspetto di utilità.

La sfida che nel contesto della protezione civile CER ha accettato fino dall'inizio, è stata quella di ricondurre il proprio contributo solo agli ambiti di grande attualità tecnologica, ovvero a quelli perlopiù di tipo professionale, maggiormente in grado di fornire un reale contributo nelle situazioni di emergenza

Dal tasto telegrafico bisogna passare al microfono, dal microfono alla telescrivente, dalla telescrivente alle trasmissioni a pacchetto e da queste agli odierni ambiti dell'informatizzazione globlale, accessibili solo attarverso reti digitali di tipo terrestre e soprattutto satellitare. Questo comporta l'esigenza di un costante adeguamento del bagaglio conoscitivo, un importante investimento di risorse e tempo.

E' la filosofia originaria del radioamatore ..... la riscoperta del genetico interesse alla tecnologia delle comunicazioni.... la voglia di innovazione.

Dal 1992 CER ha via via abbandonato le classiche piattaforme di tipo amatoriale per dedicarsi prevalentemente agli applicativi tecnologicamente più avanzati come quelli Satellitari e PMR digitale, ad oggi quelle che sono maggiormente esenti dalle problematiche delle reti terrestri ad accesso pubblico.

Già nel corso del 2005 CER, unica realtà nello scenario dellai protezione civile, era operativo su sistemi satellitari di Eutelsat ed inmarsat (bande Ku e Ka) o PMR terrestri come TETRA e DMR.
Nel 2014 CER è Communications Emergency Rescue, un rinnovamento organizzativo radicale necessario per adeguare la struttura a mutati contesti normativi e per ampliare le finalità statutarie a nuove forme solidaristiche.

Volantino CER

 

LogoDK
 
Die Communications Emergency Rescue (CER) ist eine Organisation, in der arbeitet Zivilschutzhelfe Unser Geschäft ist vor allem in der Telekommunikations- Management in Situationen Notfall durch den Einsatz von Systemen technologisch fortschrittliche, wie die Die Nutzung von Einrichtungen technologisch fortschrittliche, wie Plattformen Satelliten und Professionelle digitalen Netzwerken..
Wir arbeiten direkt mit Behörden und Institutionen, insbesondere die Agentur für den Katastrophenschutz Emilia-Romagna, die Umsetzung strategische Kommunikation im Prävention und Rettung Wir führen Projekte und Funktionsprüfungen neuer Netze und Systeme Telekommunikation für Notfälle und wir sind das einzige Unternehmen, haben Nichtregierungsorganisationen strukturiert in einem mobilen System auf seiner dorsalen Satelliten des Nationalen Katastrophenschutz.
Wir haben teilgenommen und in allen teilnehmen großen Katastrophenschutzfällen mit maximaler Anstrengung; Allerdings arbeiten wir in einem organisatorischen Rahmen, ausschließlich mit Geräten und Mittel der Situation angemessen.
Die ehrenamtlichen Mitarbeitern ist technisch geschult und qualifiziert mit beruflichen Fähigkeiten auf dem Gebiet der Telekommunikations-und Informationstechnologie erworben Bei der Arbeit, Studium oder durch interne Weiterbildung
Wir arbeiten mit anderen zusammenzuarbeiten und freiwillige internationale Zusammenarbeit für die Entwicklung der Projekte in der Umsetzung zu verbessern
Netzwerkdienst oder zur Reduktion die digitale Kluft in Entwicklungsländern.

Wir fördern soziales Engagement, Kultur Sicherheit und Solidarität.

logoUK

Our organization named Communications Emergency Rescue (CER) is an organization that operates in the sector of Civil Protection Volunteers.

Our Activity consist mainly in the telecommunications management during situations of emergency, through the use of systems technologically advanced, such as satellite platforms and Professional digital networks.
We work directly with Agencies and Institutions, in particular with the Italian Civil Protection Agency Emilia- Romagna, implementing strategic communications in the event of disaster.
We carry out projects and functional tests of new networks and systems Telecommunications for emergencies and we are the only company to have non-governmental structured in a mobile system on satellite dorsal of the National Civil Protection.
We also collaborate with other voluntary and international cooperation for the development of projects aimed at the implementation communication network service or for the reduction of digital-divide in developing countries, promoting social engagement, culture security and solidarity.



 5X1000

 Communications Emergency Rescue

cf: 90013360376

 

aprs world 6inIQ4EV -15

 

TETRAERretre

 

ingvINGV - Situazione Sismica Attuale

15 ottobre 2016

Ufficialmente chiuse le attività della Colonna Mobile di Protezione Civile dell'Emilia Romagna a Montegallo (AP). In fase di rientro le ultime squadre che, con i mezzi e materiali essenziali hanno assicurato la logistica e la sicurezza necessari alla smobilitazione. A chiudere la colonna del rientro in sede emiliana il team CER che fino all'ultimo ha prestato il proprio contributo in ambito tecnico.
Prima della partenza una foto ricordo con le componenti istituzionali del Comune di Montegallo

 

Protecer chiusura Montegallo

 

   13 ottobre 2016

Ormai prossime al termine le attività operative della colonna mobile di protezione civile della Regione Emila-Romagna a Montegallo (AP). Settimane di impegno anche per il nostro gruppo che, come programmato, darà la propria assistenza tecnica in ambito di telecomunicazioni fino alla chiusura delle operazioni. Dopo il rientro programmato di qualche giorno, il nostro veicolo speciale è ancora sul posto e sarà l'ultimo veicolo a lasciare la zona.

 Protecer chiusura Montegallo2

 

08 ottobre 2016

Rientrato come da programmazione in serata da Montegallo il veicolo speciale TLC di Communications Emergency Rescue.

Su richiesta dell'Agenzia di Protezione Civile, dal 13 ottobre sarà però inviata sul posto una nostra squadra per assistere l'ultimissima fase di chiusura dei campi di accoglienza di Uscerno e Montegallo (AP). I volontari CER provederanno al ripristino dello stato di fatto, pre 24 agosto, delle aree private e pubbliche occuparte dai servizi di assistenza della protezione civile Emilia-Romagna, rimuovendo tutte le infrastrutture comunicative installate a suo tempo. Saranno inoltre effettuate riprese video documentali delle fasi di recupero dei materiali e del rientro in sede della nostra colonna mobile.

 Protecer ultimafase

 

02 ottobre 2016

Ultimo cambio turno CER nel campo base della Protezione Civile Emilia-Romagna a Montegallo AP. Come da programma la squadra montante opererà fino a Sabato 08 ottobre, giorno previsto per il rientro del veicolo speciale TLC. Compito dei nostri volontari è quello di assicurare, nella fase finale della chiusura dei campi, il servizio comunicativo essenziale. Pertanto in attività tutti i sistemi di tipo satellitare, impiegati in particolare per l'accesso alle piattaforme di videoconferenza per le quotidiane riunioni con la sede regionale dell'Agenzia di Protezione Civile di viale Silvani a Bologna. In questa fase finale sono inoltre attuati collegamenti audio-video a supporto di iniziative bilaterali tra le zone colpite dal sisma e interlocutori della nostra regione. Continuano inoltre le attività di gestione delle reti informatiche e dell'hardware in uso alla nostra colonna mobile.

 

25 settembre 2016

Nuovo avvicendamento dei volontari CER per la sesta settimana di attività. Continuano gli interventi tecniici di supporto sia al Campo Base della Regione Emilia-Romagna sia alle amministrazioni locali in ambito di telecomunicazione e informatica. In particolare vengono temporaneamente ripristinate reti dati, impianti radio e anche stazioni satellitari VSAT in dotazione ad amministrazioni dello stato presso la "Cittadella degli Enti Locali" 

  

 

19 settembre 2016

Al via il quinto turno settimanale. La nostra organizzazione resta operativa presso il campo base della Regione Emilia-Romagna nel Comune di Montegallo (AP). Alle normali attività di collegamento audio-video, in particolare nei confronti della Sala Operativa della Protezione Civile di Bologna, si aggiungono interventi di infrastrutturazione di reti dati, sono infatti in fase di ultimazione i lavori per la realizzazione della "Cittadella Emilia Romagna" il centro polifunzionale attrezzato dove troveranno posto la sede municipale, l'ambulatorio dei medici di base, la farmacia e la scuola. Con il prosieguo delle verifiche di agibilità dei fabbricati, l'esigenza assistenziale del campo è fortunatamente in fase di contrazione. 

 

09 settembre 2016

Dal Portale dell'Agenzia per la Sicurezza del Territorio e Protezione Civile Emilia-Romagna

Da Anzola dell’Emilia, nel bolognese, alle piazze di Accumoli, Arquata del Tronto e Montegallo nell’ascolano. Proseguono le iniziative di solidarietà dell’Emilia-Romagna verso le popolazioni marchigiane colpite dal sisma dello scorso 24 agosto.

Lunedì prossimo, 12 settembrel’Anzola Jazz Festival organizza la serata “Un’amatriciana per Amatrice”: a partire dalle 20 nelle vie del paese, sarà allestita una cena benefica, a base di pasta all’amatriciana,  per raccogliere fondi da destinare alle esigenze dei due comuni nell’ascolano. Il ricavato sarà versato sul conto unico aperto  dalla Regione nelle ore successive al sisma: IBAN IT69G0200802435000104428964 - Intestazione e causale: Emilia-Romagna per sisma Centro Italia”.

Alle 21.30 il concerto di Andrea Dulbecco Quartet, grazie all’impegno del volontari del Cer Communication emergency di Bologna, sarà trasmesso in diretta agli ospiti e ai volontari del campo di Montegallo (AP), comune ‘adottato’ dalla Regione Emilia-Romagna, che potrà interagire, in collegamento audio, con il pubblico di Anzola. L’iniziativa sarà trasmessa in streaming anche sul sito del Cer all’indirizzo http://www.protecer.org/.

I volontari CER, esperti in telecomunicazioni, saranno operativi sia ad Anzola che a Montegallo e appartengono alla Consulta provinciale del volontariato di protezione civile di Bologna.
L’Anzola Jazz Festival ha il patrocinio di Regione Emilia-Romagna e Città Metropolitana di Bologna.

 

 4 settembre

stiamo procedendo con l'infrastrutturazine delle reti comunicatve attraverso rete fissa. Il gestore ha fornito nuovi allacciamenti per la zona del COC e del campo di prima accoglienza, compreso servizi di connettivita' che reputiamo soddisfacenti. Il programma di lavoro prevede per i prossimi giorni la realizzazione di attivita' multimediali in corrispondenza di eventi di sostegno alla popolazione di Montegallo attuati dal Comune di Anzola Emilia. Attraverso sistema satellitare, consentiremo la partecipazione all'evento di autorita' di entrambe le regioni.

 

28 agosto 2016

I volontari CER proseguono, con turnazione settimanale al momento programmata  ( 28 ago/4 set  - 4 /11 set  - 11 /18 set  - 18/25 set  - 25set/02 ott - 02/08 ott ) l'attività ordinaria di gesione delle installazioni


 

 

26 agosto 2016 


La terra continua a tremare, con un picco di 4.5. La nostra postazione TLC procede nella attività di gestione delle comunicazioni istituzionali attraverso rete satellitare. Nel tardo pomeriggio è stata attivata anche una stazione radioamatoriale in onde corte e sono stati effettuati sporadici collegamenti di prova. Localmente siamo anche QRV in VHF su R0 di Ascoli Piceno. Non sono presenti in zona sistemi DMR radioamatoriali. E' invece raggiungibile la rete radio digitale della Regione Marche in banda UHF.

In accordo con il Dipartimento Nazionale, non abbiamo al momento ritenuto necessario procedere con la richiesta al Ministero Infrastrutture dell'autorizzazione per l'installazione di una rete TETRA locale.

 

25 agosto 2016

Nel corso della giornata si è conclusa la predisposizione dei due campi di assistenza alla popolazione e conseguentemente iniziare il ricovero delle persone in attesa di agibilità delle loro abitazioni. Le condizioni metereologiche sono buone ma con temperatura notturna inferiore ai 8° (quota altimetrica del sito oltre 800m slm) le tende hanno comunque una sufficiente dotazione di coperte e a breve di sistemi di riscaldamento elettrici.

Sono in funzione anche due punti di produzione e distribuzione dei pasti.

La situazione sismica non sembra invece essere ancora stabilizzata, continuano ininterrotte scosse di assestamento di intensità variabile ( 3.9 la maggiore).

L'attività della nostra unità procede in modo regolare con le comunicazioni di routine.

 

24 agosto 2016

Alle ore 03.36 e 03.56 violente scosse sismiche hanno interessato alcune zone della provincia di Rieti ed Ascoli Piceno,  in particolare i comuni di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, registrando numerose vittime tra la popolazione.

L'Agenzia di Protezione Civile Emilia Romagna, in accordo con il Dipartimento Nazionale, ha inviato sul posto la propria Colonna Mobile, composta da Volontari della Protezione Civile Regionale, Operatori del Sevizio Sanitario, tecnici degli Enti Locali e di aziende partecipate.

Al fine di ottimizzare il coordinamento dei soccorsi, Communications Emergency Rescue ha raggiunto già dal primo pomeriggio la zona interessata dall'emergenza ed attivato sia i collegamento con il Centro Operativo Regionale di viale Silvani a Bologna, sia i contatti locali e con la Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Marche. L'unità CER è operativa sul posto con il proprio veicolo speciale dotato di sistemi satellitari in banda Ku e in banda Ka e con tre specialisti in telecomunicazioni (due volontari di Imola e uno di Bologna). In tarda serata la Colonna Mobile ha iniziato gli allestimenti per l'assistenza alla popolazione nelle località di Montegallo e Uscerno in provincia di Ascoli Piceno.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni coockie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei coockie